L’estate è veramente finita, messi a posto costumi e teli mare, ora si pensa al cambio di abbigliamento negli armadi: si sostituiscono i capi leggeri con i maglioni più pesanti.

E anche in casa il clima cambia: dall’infradito si passa alla ciabatta con il calzino, dalle canotte alle maglie manica lunga.

Ogni stagione è così e con lei la strana sensazione di lasciare il piacevole caldo per il freddo inverno.

In quanti vorrebbero il tepore primaverile tutto l’anno? In tanti ma non tutti; a molti il freddo piace, rigenera e fa star meglio.

A tanti stare ben coperti e sotto un piumone piace di più che stare allungati a sudare sotto il solleone.

Però… pensandoci bene… non è poi così male la sensazione di calore che si cerca in autunno e durante l’inverno, vero?

Un ambiente riscaldato, la tv accesa, una cioccolata calda o una tisana: non è proprio male questo autunno!

Termosifoni? Sì… ma che ne pensi di un caminetto o di una stufa a pellet/legno?

Soluzioni ovviamente legate al tuo ambiente domestico, ai tuoi spazi ma di sicuro una scelta che fa anche arredo, che dà alla tua casa un maggior senso di accoglienza.

Come fare a scegliere?

Quale la soluzione migliore? Vieni da noi di Vemit e ti aiuteremo nella scelta più idonea alla tua casa!

Nel frattempo ti diamo qualche consiglio su dove puntare l’attenzione.

Quando si parla di stufe attualmente, si parla di alto livello di comfort, di sicurezza e risparmio energetico nonché di oggetti dalla grande capacità di arredare l’ambiente.

Inoltre, andando nello specifico, è necessario distinguere le stufe a pellet dalle stufe a legna. Queste ultime Le stufe a legna sono alimentate con un combustibile rinnovabile, distribuiscono ottimamente il calore prodotto e hanno prezzi contenuti.

Mentre le stufe a pellet hanno una fiamma ampia e naturale come quella delle stufe alimentate con combustibili fossili, come il legno, ma l’intero funzionamento è automatizzato e monitorato da una centralina elettronica.

Una scelta, quella del pellet, che punta all’ecologia e a rispetto dell’ambiente ed è infatti la soluzione più scelta per gli ambienti domestici.

Il sito Cose di casa a tal proposito evidenza che “con circa 3,3 milioni di tonnellate utilizzate nel 2016, l’Italia si conferma al primo posto in Europa per consumo di pellet nel settore residenziale, primato che il nostro Paese ha ormai da molti anni. Un consumo in crescita, tanto che, sempre nel 2016, questo combustibile è stato impiegato in oltre 2,5 milioni di installazioni, delle quali il 96% sono apparecchi domestici.”

Da ricordare inoltre che l’istallazione di queste fonti di riscaldamento rientrano nell’Eco-bonus statale con incentivi e detrazioni fiscali. Quindi non solo una casa più calda ma anche un portafoglio più pieno!

Il tema della sicurezza è un altro aspetto di cui bisogna tener conto: per tale motivo infatti dallo scorso anno tutte le stufe a pellet (e non solo) in commercio devono essere dotate dell’Energy Label (Regolamento UE 2015/1186), che deve essere ben esposta all’interno dei punti vendita.

Queste, in particolare, le informazioni che il documento deve riportare:

  • nome o marchio del fornitore della stufa;
  • identificativo del modello del fornitore;
  • classe di efficienza energetica, dalla G alla A++;
  • potenza termica diretta (cioè nominale), espressa in kW.

Di stufe a pellet inoltre ne esistono di tre tipologie:

  • Ad acqua: il funzionamento è molto simile a una caldaia in quanto l’apparecchio scalda l’acqua che circola nell’impianto e che viene portata ai radiatori o ai pannelli radianti. Possiamo anche parlare in questi casi di termostufe o idrostufe;
  • Ad aria: riscaldano innanzitutto per convezione (o ventilazione) naturale: il calore prodotto all’interno del focolare fuoriesce dalle bocchette presenti sul corpo dell’apparecchio, scaldando l’aria all’interno dell’ambiente;
  • Ermetiche: non prelevano l’aria presente all’interno dell’ambiente in cui sono installate, ma direttamente dall’esterno dell’abitazione. Tra i vantaggi di questa scelta il fatto che non necessitano di una presa d’aria a parete e per questo la temperatura nella stanza viene mantenuta ai gradi desiderati, senza sbalzi; inoltre possono essere installate anche in locali in cui una normale stufa non è consentita.

Pellet… come riconoscere il migliore?

Una cosa è propedeutica a tutte le altre: il marchio di qualità ENplus, Si tratta di una certificazione internazionale, che garantisce che il prodotto è stato controllato lungo tutta la filiera, dalla materia prima alla consegna, e che è qualitativamente uguale (dal punto di vista chimico, fisico ed energetico) a prescindere dal Paese di provenienza. Esistono poi 3 classi di qualità che vanno dalla A1, la migliore, alla A2 e alla B.

E il risparmio in bolletta si vede eccome! Sempre il sito Cose di casa, fa un esempio pratico in merito:

“Caldaia. Se si sceglie di riscaldare 100 mq con una caldaia alimentata a pellet certificato ENplus, per tutto l’inverno, il costo per l’acquisto del biocombustibile rinnovabile sarà di di 780 euro (12 MWh x 65 euro). Ciò consente un risparmio del 13% rispetto al metano, del 51% rispetto al gasolio, del 72% rispetto al gpl.

Stufa. Se invece si decide di integrare l’impianto di riscaldamento esistente (caldaia a metano, gasolio o gpl) con una stufa a pellet, e supponendo che la stufa contribuisca per il 50% al riscaldamento dell’abitazione, il costo sarà di 390 euro (780:2). Tale valore andrà a sommarsi al costo del combustibile necessario per l’alimentazione della caldaia tradizionale: 450 euro nel caso del metano, 792 euro nel caso del gasolio e 1.398 euro nel caso del gpl. Di conseguenza, integrando l’impianto di riscaldamento esistente a fonte fossile con una stufa a pellet, nella misura del 50%, si avrà un risparmio del 6% sul riscaldamento totalmente a metano, del 25% sul riscaldamento totalmente a gasolio e del 36% sul riscaldamento totalmente a gpl. (fonte: Aniel)”.

Preferisci in caminetto? Scelta romantica e nostalgica che sembra tornare in voga in questi ultimi anni soprattutto perché con gli anni hanno aggiunto alla loro funzione primaria di riscaldamento, anche un valore estetico da non sottovalutare.

Se la tua scelta è questa, valuta bene alcuni aspetti come la stanza in cui vuoi installare il caminetto e la canna fumaria che deve garantire un tiraggio perfetto.

Poi, per quanto riguarda le tipologie, ne esistono diversi:

  • Aperto: è solitamente alimentato a legna, ma a livello di prestazioni termiche non è la soluzione più efficiente poiché il calore tende a disperdersi nell’ambiente sfruttando mediamente solo il 20% del potenziale di riscaldamento;
  • aperto ventilato: capacità di efficienza termica di circa il 40%; in questo caso il calore prodotto dalla combustione, sempre a legna, viene propagato nell’ambiente attraverso dei veri e propri condotti di aereazione permettendo così il recupero del calore dal camino aperto;
  • chiuso: una struttura solitamente in ghisa o acciaio e chiusa con un vetro ceramico che ha la capacità di resistere a temperature molto elevate (un massimo di 800° C). Tra i vantaggi di questa soluzione vi sono la capacità di sfruttare al meglio la combustione per ottenere calore (60-80%);
  • chiuso ventilato: il suo rendimento è pari all’80%;
  • termocamini: l’acqua a svolgere il ruolo fondamentale poiché il calore prodotto dalla combustione riscalda il fluido che a sua volta andrà a scaldare i radiatori;
  • camini prefabbricati: blocchi precostituiti e pronti per essere installati; la complessità dell’assemblaggio dipende dalla scelta:
  • nel caso di camini prefabbricati finiti l’unico passaggio necessario è il collegamento alla canna fumaria;
  • i camini prefabbricati semifiniti sono rifiniti nelle varie parti ma devono essere assemblati al momento dell’installazione;
  • i camini prefabbricati grezzi sono costituiti dai vari elementi tecnici ma richiedono l’intervento di un esperto per l’assemblaggio.

Come vedi di soluzioni per riscaldare la tua casa ci sono, devi solo decidere quale è meglio per il tuo ambiente.

Se hai bisogno di aiuto, passa a trovarci! Ti daremo i consigli migliori in base alle tue necessità!

Ci trovi a Vasto, Lanciano, Atessa, Pescara e Termoli!