“Non c’è nessun posto come la propria casa.” Lyman Frank Baum

Già, il posto speciale per tutti noi; quello in cui ci si rintana quando si ha voglia di star soli, quello per condividere momenti di allegria con amici o di intimità con il proprio/a partner.

E perché non fare di questo posto così unico, un luogo che possa anche rispettare l’ambiente esterno che ci circonda?

Sì, metter su una casa ecosostenibile che, dettaglio da non dimenticare, fa risparmiare parecchi soldini…

Che dici, ne parliamo un po’?

Partiamo dagli aspetti base cioè le 3 caratteristiche per una casa ecosostenibile:

  1. Utilizza di materiali a basso impatto ambientale tipo legno e sughero,
  2. usa le energie alternative tipo impianti fotovoltaici, caldaie a condensazione, impianti solari termici etc…
  3. rendi la tua casa “Smart”, attraverso la domotica “in grado di adattare il suo comportamento alle diverse condizioni ambientali, ma anche secondo gli usi e le preferenze dei diversi abitanti.”

VEMIT-Punto Clima_casa ecosostenibile VEMIT-Punto Clima_caldaie a condensazione Solare termico

Tutti e tre questi fattori, sono alla base di una costruzione edile che, a sua volta, rispetta i criteri della bioedilizia che l’Agenzia per la Protezione Ambientale statunitense (EPA) definisce come “la pratica di creare strutture con processi che sono ecologicamente responsabili, ed efficienti per tutto il ciclo di vita dell’edificio stesso. Questo vale per la scelta del sito, per la progettazione, la costruzione, la gestione, la manutenzione, la ristrutturazione e la decostruzione. Questo approccio espande ed integra i classici problemi di progettazione, che sono economia, utilità, durata e comfort. L’edificio sostenibile viene anche definito come “verde” o “ad alte prestazioni”.

Questi dunque gli elementi generali, ora andiamo più sul dettaglio delle caratteristiche di una casa che si definisca ecosostenibile.

Poco fa accennavamo alle caldaie a condensazione: il riscaldamento, una questione strettamente legata all’ambiente e, anche se in piccolo, ognuno di voi può fare qualcosa.

Come? Non esagerando con la temperatura alzandola troppo nei mesi freddi! Come ci ricorda il sito Ecocentrica:

“Non molti forse sanno che esiste una precisa normativa nazionale, che fissa a 20° (con 2 di tolleranza) il limite massimo di temperatura per abitazioni private, negozi, uffici: sopra i 22°, scatta la sanzione. O almeno dovrebbe scattare, perché in realtà i controlli sono praticamente inesistenti, tant’è che secondo un’inchiesta di Altroconsumo, 3 edifici su 4 non rispettano la legge, e neppure il buon senso.”

Perché questo limite? Tre le motivazioni cardine:

  1. Fa male alla salute come afferma l’Organizzazione mondiale della Sanità: temperature interne troppo elevate, portano una volta all’esterno sbalzi termici elevati che possono causare malattie alle vie respiratorie;
  2. fa male al portafoglio visto che la spesa media per il gas è di mille euro al mese (e non le famose mille lire…);
  3. fa male all’ambiente perché aumentano le emissioni di Co2.

Installare una caldaia a condensazione farà sicuramente bene a tutti e tre gli aspetti; perché? Perché ti dà: “costi ridotti di gestione, affidabilità, basse emissioni inquinanti, consumi ridotti del 20-30%.”

Dicevamo anche della bioedilizia che usa cioè materiale facili da riciclare e, in tal senso, se devi ristrutturare la tua casa, puoi usare:

  • la lana di roccia: usata per l’isolamento termico e si mantiene integra nel tempo. Le sue fibre non assorbono acqua e umidità e non sono soggette all’attacco delle muffe. È un materiale ignifugo, resiste a temperature superiori ai 1000°, rallentando la propagazione del fuoco e rendendo minima l’emissione di fumi. E’ anche un eccellente materiale per l’isolamento acustico;
  • fibra in legno: non solo un materiale riciclato ma anche del tutto riciclabile e compostabile una volta che il suo uso è esaurito. Inoltre è completamente traspirabile e ha una buona capacità di accumulo del calore, che d’estate passa lentamente dall’esterno all’interno mantenendo la casa fresca;
  • il Gessofibra: nato dall’unione del gesso con fibre di cellulosa ricavate dalla carta riciclata, opportunamente prima selezionata e poi sminuzzata. Usato in sostituzione del vecchio cartongesso, è un materiale dalle alte prestazioni, stabile, con maggiore isolamento termico e che può sopportare un maggiore carico. Inoltre ha una funzione anche assorbente per l’umidità ad esempio.

Andando sempre più sul concreto un’abitazione ecosostenibile, pesa meno sul bilancio famigliare in quanto come dice Idealista.it:

“A fronte di un investimento iniziale mediamente più alto (anche se con una casa prefabbricata si risparmia molto) rispetto a quanto necessario per acquistare una casa “tradizionale”, un immobile a impatto zero permette di risparmiare cifre molto considerevoli sul lungo periodo, confermandosi un investimento intelligente sia per il portafoglio che per l’ambiente.”

Non solo: la Legge di bilancio del governo italiano, prevede per il 2019 sgravi fiscali per:

  • chi riduce il fabbisogno energetico per il riscaldamento;
  • chi opera coibentazioni;
  • chi sostituisce infissi o finestre;
  • chi installa pannelli solari.

E per gli arredi? Anche qui la sostenibilità risponde presente!

Ami il parquet? Puoi puntare sul bambù o sul sughero: materiali anallergici e molto resistenti all’acqua.

Pittare le pareti? Tra le scelte più green puoi optare tra la terra cruda, l’argilla, la calce oppure vernici biologiche e ecologiche oltre che il legno: quest’ultimo non inquina ed ha il vantaggio di trattenere il calore regolando l’umidità.

Come vedi una casa tutta green è possibile! E se vieni da noi troverai quello di cui hai bisogno perché per noi di Vemit:

“Le energie alternative sono il punto di forza del nostro lavoro. Siamo convinti, già da anni, della necessità di un cambiamento radicale nell’offerta nel campo dell’idrotermica. Una scelta necessaria per difendere il futuro dell’ambiente, ma che allo stesso tempo permette di ottenere un grande risparmio sui consumi. Sfruttare le risorse naturali del nostro pianeta, come il sole e l’aria, per ottenere riscaldamento e acqua calda vi permette di raggiungere un doppio vantaggio: le spese a livello energetico si ridurranno e contemporaneamente darete un personale ma importante contributo alla salvaguardia dell’ambiente, per voi e i vostri figli.”

Vieni a trovarci a Vasto, Pescara, Lanciano, Atessa e Termoli. Oppure mandaci una mail a  info@vemit.com per avere maggiori informazioni