Finalmente il caldo, la bella stagione e il calore del sole!

Mai come quest’anno la voglia di respirare aria pulita, di sentire i raggi del sole sulla pelle è così viva e intensa. Il periodo di isolamento e chiusura causato dal Covid-19, ci ha spinto ad apprezzare ancora di più le piccole cose date troppo spesso per scontate nella frenesia del pre-Coronavirus.

Tra queste piccole cose c’è la casa, le mura domestiche: oltre 2 mesi al suo interno ci hanno permesso di conoscerla meglio, riscoprire magari alcuni angoli oscuri ai quali, con la bella stagione, è tempo di dare nuova luce!

E se c’è voglia di respirare aria, perché non far respirare anche la tua abitazione?

Una nuova normalità è quella che stai vivendo con la Fase 3, e non si merita anche la tua casa una fase 3?

Vita nuova, aria nuova! Perché la qualità dell’aria nella tua abitazione o nella tua azienda, ha un valore prezioso soprattutto ora che serve attenzione e rispetto delle regole.

A proposito di areazione, in un articolo su Vastoweb si legge:

“La qualità dell’aria che respiriamo all’ interno delle nostre case spesso è compromessa da fattori inquinanti che – oltre a renderla poco piacevole all’ olfatto – sempre più spesso la rendono nociva per la nostra salute. Ecco allora che si cerca di risolvere il problema aprendo porte e finestre, creando però una notevole dispersione termica sia d’inverno che d’estate, con un dispendio economico non indifferente. Tutto questo convinti che l’aria esterna sia migliore di quella che andiamo a sostituire: ma spesso le indagini degli enti competenti ci dicono il contrario. Ed ecco che le nuove tecnologie ci vengono in aiuto! Parliamo dell’installazione di un sistema di ventilazione meccanica controllata (VMC), che ci permette di pulire l’aria con degli appositi filtri, mantenere costante la temperatura interna e avere un basso consumo elettrico. Ma andiamo a vedere i vantaggi che l’installazione della ventilazione meccanica controllata può darci nella nostra vita quotidiana:

  • Diluisce la concentrazione di virus, batteri e altri inquinanti in ambiente, rendendolo più igienizzato e pulito;
  • Riduce i problemi respiratori, andando a sanificare l’aria che immettiamo nei nostri polmoni;
  • Riduce i sintomi della sindrome dell’edificio “malato” eliminando muffe e macchie di umidità, sgradevoli alla vista ma soprattutto dannose alla salute;
  • Migliora la qualità del sonno nelle ore notturne, grazie ad un rinnovo costante dell’aria;
  • Garantisce la riduzione delle perdite di energia dovute alla continua apertura delle finestre per il rinnovo dell’aria, assicurando così un risparmio di energia e di denaro;
  • Possibilità di godere del sistema freecooling, che durante le sere estive permette di rinfrescare gratis gli ambienti, anche senza utilizzare i condizionatori.”

A proposito di condizionatori… Come farne a meno ormai?

Come sopportare quelle giornate afose, insopportabili anche al mare, se non con il fresco dei condizionatori?

Una manna creata dall’uomo di cui non si può fare a meno ormai ma… Ma occhio alla manutenzione, alla cura.

Per esempio: hai già pensato a settare il climatizzatore?

“Hai mai visto il telecomando del tuo condizionatore? Hai mai fatto caso ad alcuni strani simboli? Hanno un loro valore importante nel settare il condizionatore prima dell’uso.

Questi simboli sono:

  1. Goccia=deumidificazione: serve per togliere umidità; può essere l’opzione consigliata quando si riaccendono dopo l’inverno;
  2. Ghiaccio=raffrescamento: è la funzione per raffreddare la temperatura in una stanza;
  3. Ventola=ventilazione: serve per modificare e modulare le funzioni desiderate. In quasi tutti i modelli di condizionatori attualmente in commercio è possibile accedere a queste funzioni attraverso il tasto “Mode”.

Ora la domanda è: che temperatura imposto? Ecco, questo dipende dalle tue esigenze e dalla stanza in cui ti trovi.

Due regole principali: mai stare vicini al getto diretto, mai scendere sotto i 18 gradi; questo vuol dire che la temperatura da impostare oscilla tra i 6/7 gradi in meno rispetto alla temperatura esterna.

Esempio: se fuori ci sono 35 gradi, dentro si sta bene con una temperatura di 29 gradi; se fuori ci sono 30 gradi a casa o in ufficio puoi impostare la temperatura a 24 gradi e via dicendo.

Se invece sei in una stanza d’ufficio e senti caldo solo a stare fermo, vuol dire che c’è umidità in quell’ambiente: usa la funzione deumidificatore (gocciolina) per stare bene!

Senti caldo anche di notte e non riesci a dormire? Per evitare di svegliarti con il mal di gola, metti alla funzione deumidificatore e riduci a 3 gradi la differenza con la temperatura esterna.”

Acquistare un condizionatore è una scelta azzeccata per vivere al meglio la stagione estiva a casa; lo sai che ne esistono di diverse tipologie?

Condizionatori fissi per i quali è richiesto l’intervento di un tecnico specializzato. A loro volta essi di distinguono in:

Monoblocco, costituiti cioè da un solo elemento interno all’abitazione. E’ indicato per chi non può installare unità esterne;

Split, costituiti da una o più unità interne, installate a parete, a soffitto o a pavimento. I climatizzatori split si dividono, a loro volta, in mono, dual e multi.

Condizionatori portatili: quelli che possono essere usati per una sola stanza per volta e non richiedono procedure di installazione. Anche loro si dividono in:

  • Monoblocco, anche in questo caso sono dati da un unico elemento collegato all’esterno con un tubo flessibile per eliminare la condensa;
  • Split, in questo caso l’unità interna, pur essendo facile da portale, è connessa a un’unità esterna mediate un tubo flessibile.”

Il lockdown ti ha portato a farci un pensierino?

Hai valutato dove posizionarli?

Vedi che anche fermi si può essere costruttivi? E non ti far spaventare dai lavori che dovrai fare con il caldo in arrivo! Le ristrutturazioni si possono fare d’estate e senza stress!

Come? Serve metodo: “Il punto di partenza è necessariamente capire bene cosa ristrutturare: una stanza? Due stanze? Tutta la casa? Partire dunque con un piano dettagliato attraverso la consulenza di un tecnico, geometra, ingegnere o architetto, che può aiutare nella realizzazione del progetto preliminare. Un altro consiglio è cercare di mettere a fuoco gli interventi che possono essere fatti da soli rispetto a quelli che necessitano di una ditta specializzata. Capito dove e come intervenire, si passa alla fase più scottante: quanto mi costa? È il momento di farti due conti e calcolare per sommi capi la spesa. In questo conto, oltre ai materiali e alla manodopera, metti anche le tasse, i regolamenti e i permessi edilizi. Se ci si appresta a fare un lavoro che comporta modifiche della volumetria complessiva dell’edificio infatti è necessario pagare un’imposta comunale per avviare la concessione edilizia.”

Ristrutturazione che farà bene alla tua casa ma anche al tuo portafoglio…

Hai sentito del bonus governativo del 110%?

Sì, hai sentito bene, 110% della percentuale di detrazione fiscale sulle spese sostenute per alcuni lavori di efficientamento energetico, miglioramento sismico ed installazione di pianti solari fotovoltaici o ricarica auto elettriche.

In pratica non cacci un euro, sarà il governo a pagare la ditta che, accettando questa soluzione, ti farà i lavori.

Houzz.it spiega:

“L’impresa che esegue i lavori dovrebbe emettere fattura applicando uno sconto pari al bonus fiscale. Successivamente l’impresa potrà vantare questo sconto come credito d’imposta o cederlo a Assicurazioni o Banche. A livello pratico le modalità applicative non sono ancora state enunciate, si attendono i chiarimenti dal Ministero e dell’Agenzia delle Entrate entro trenta giorni dall’approvazione del DL Rilancio.”

Nel dettaglio, per quel che concerne gli impianti di climatizzazione “per gli edifici unifamiliari i lavori per la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati, con efficienza almeno in classe A, per riscaldamento/raffrescamento e produzione di acqua calda sanitaria. Tra i lavori agevolabili sono inclusi anche lo smaltimento e la bonifica dei vecchi impianti, nonché l’installazione di impianti ibridi o geotermici anche abbinati ad impianti fotovoltaici.”

Insomma, un’occasione da non perdere per dare alla tua nuova normalità domestica, una nuova luce e un’aria più pulita e fresca!

Un’occasione da non perdere se ci passi a trovare nei nostri punti vendita a Vasto, Pescara, Atessa e nei nostri showroom a Lanciano e Termoli.

Ti accoglieremo nel pieno rispetto delle regole anti contagio da Covid-19.

Se preferisci puoi contattarci allo 0873.367154 oppure inviarci una mail a info@vemit.com.

Sicurezza e qualità: ripartiamo alla grande insieme!